IL “RACCORDO” FA PAURA. A BREVE, L’INIZIO DEI LAVORI (GUARDA LE FOTO)

di Fabrizia Terraciano

 

In redazione, ogni giorno, riceviamo decine di segnalazioni da parte di abitanti del quartiere. Tra le ultime, ne spiccano due, giunte da persone diverse, ma riguardanti la stessa area. Nel primo caso, il lettore ha chiesto attenzione sul primo tratto del raccordo, che da via Epomeo porta al Vomero e a Pianura, da quale, ad ogni pioggia, cadrebbe tantissima acqua e il cemento si starebbe spaccando tutto.

 

 


Autonautica Epomeo

 

Sulla questione abbiamo interpellato il Presidente della Municipalità, Lorenzo Giannalavigna chiedendogli se è previsto qualche progetto per cercare di risolvere il problema.

“È opportuno innanzitutto precisare,  che l’asse perimetrale Vomero-Soccavo-Pianura, generalmente chiamato “il raccordo”, è di competenza del Comune di Napoli e non della Municipalità – spiega Giannalavigna -. È un asse di collegamento di fondamentale importanza che, proprio per tale motivo, necessiterebbe di una manutenzione puntuale e costante. Purtroppo, questo non accade. Ad ogni buon conto, a breve partiranno significativi lavori di manutenzione, per un importo complessivo di circa un milione e trecento mila euro. Sono fondi della Città Metropolitana e il relativo appalto, dopo l’espletamento della gara, è stato già assegnato. Siamo davvero a giorni per l’apertura del cantiere”.

Un altro lettore segnala, sempre in relazione all’Asse Pianura Soccavo Vomero, la presenza in quantità sconcertante di rifiuti di ogni genere: porte, materassi, vetro, carcasse di animali morti…. e di vegetazione sfuggita al controllo, che in alcuni punti invade la carreggiata rendendo scarsa la visibilità. Aggiungendo che, in caso di pioggia, anche qui si allaga tutto essendo vari punti di scolo otturati.

 

 

 

 

“In ordine alla quantità di rifiuti – continua il Presidente Giannalavigna -, più che trovare qualche responsabilità della pubblica amministrazione, mi indignerei profondamente per questo senso di inciviltà latente. Per le altre problematiche, ci auspichiamo di poterle risolvere nell’ambito dei lavori che partiranno  a breve”.

 

 

Notizie simili