FRANCESCO BALZANO, IL CORNICIAIO DI SOCCAVO SULLE ORME DEL PADRE

Un’antica tradizione di famiglia ma, soprattutto, l’insegnamento lasciato dal suo papà

di Tommy Totaro

 

 

Per questo numero di Soccavo Magazine, abbiamo intervistato un maestro nell’arte di produrre cornici, made in Soccavo: Francesco Balzano. Un mestiere antico, quanto raro.

Allora Francesco, suo padre è stato il suo migliore insegnante: che ricordo ne ha?

È stato proprio mio padre a trasmettermi la passione per questo lavoro. Per lui era una vera e propria arte che ha scoperto tra i 1000 lavori fatti da ragazzo.Era del ’39, anni difficili…. fin da ragazzino cercava di aiutare la famiglia come meglio poteva….. all’età di 20 anni andò a lavorare come ragazzo in un negozio di cornici ed è proprio lì che è nata la sua grande passione. Papà  mi ha insegnato tutto quello che so  in questo mestiere. Per mio padre lavori irrealizzabili non esistevano.

Quali sono i prodotti che realizza più richiesti dal mercato?

 I lavori più richiesti sono le cornici classiche. Ma da un po di tempo, perché è molto di moda un arredamento moderno, mi vengono richieste molte cornici bianche.

La cornice più cara che ha venduto quanto costava?

 

 La cornice più cara mai fatta è stata venduta per 700 euro.


Bonus Pubblicita 600

 

Quali sono i materiali che impiega di più?

 

Uso moltissimo il legno.

 

Quanto tempo ci vuole per realizzare una cornice di discreta qualità?

 

Per la realizzazione di una cornice di discreta qualità occorrono un paio di giorni.

 

Qual è il valore più importante che suo padre le ha lasciato sul lavoro?

 

Sicuramente l’onestà…… mi ripeteva sempre, “sii onesto che l’unica cosa che conta. Imbrogliare un cliente è controproducente, lo fai una volta, lo perdi e, in più, hai una cattiva pubblicità. Il tuo patrimonio lavorativo sono i clienti, contenti di te e di loro passaparola.”. E io cerco di seguire i suoi insegnamenti.

Notizie simili